Copy to clipboard

Se non posso cambiarlo allora lo tengo...

La Forza delle Decisioni - Dr Bellucci

La Forza delle Decisioni - Dr Bellucci

Se non posso cambiarlo allora lo tengo... Se non posso cambiare quella situazione allora ci faccio pace me la faccio piacere!

Si questo può essere uno degli atteggiamenti, uno dei comportamenti che mettiamo in atto... ma sai cosa significa per te questa cosa? 

Può significare che "non ci pensi più" a quella situazione che volevi cambiare oppure significa che invece inizi a "pensarci costantemente" perché ti senti incastrata, ti senti incastrato. Senti che vorresti cambiarla davvero quella situazione, ma in realtà sei diventato schiavo, sei diventata schiava di te stessa.

Quante volte ci sentiamo in TRAPPOLA. E quante volte finiamo per rimanere in TRAPPOLA addossando la colpa al fatto che ... ormai è così e che non si può cambiare le cose.

Quanti matrimoni sono finiti eppure le persone rimangono come estranei sotto lo stesso tetto!
Quanti pranzi o cene in silenzio perchè ormai l'indifferenza regna!
Quante volte viaggi in compagnia in auto ed ognuno è assorto nei propri pensieri.
Quante volte a cena in due, ognuno è dentro il proprio social network!

E si va avanti perché si pensa che ORMAI è COSì ! 

Ecco che così nascono le INSODDISFAZIONI, le frustrazioni e se la situazione che volevi cambiare riguarda la tua relazione accade che i tuoi occhi non guarderanno più il tuo partner con gli stessi occhi.

La tua identità di persona è stata VIOLATA da te stesso da te stessa perché il tuo cervello ha usato un livello di pensiero della rassegnazione. "Se non posso cambiarlo allora lo accetto! ".

Che tristezza però!  

E' vero che la schiavitù non esiste più... in realtà io dico che la schiavitù esiste ancora ed ha diversi colori.

Ti scrivo questo articolo perché ho ricevuto una mail da una mia amica Sabina. 

Sabina dopo aver passato un periodo di crisi coniugale oggi ha deciso di andarsene via. Giusto o sbagliato ha deciso di andar via. Ha deciso di non accettare più la frase " Se non posso allora lo tengo" e con "lo tengo" mi riferisco al rapporto con il suo partner. 

Eppure per arrivare a questa decisione ha impiegato 8 anni. Ed in questi otto anni non hai idea di cosa ha dovuto subire. E quando dico subire non mi riferisco agli effetti della relazione che si è deteriorata, ma mi riferisco al fatto che la sua IDENTITA' di persona è stata violata da se stessa per non aver avuto il coraggio di dire basta prima. 

Sai, spesso addossiamo agli altri il nostro NON AGIRE, il nostro non aver il coraggio di prendere la decisione tempestivamente. E questo è normale! Siamo umani e non siamo macchine. Nel prendere le decisioni tagliamo le alternative e quindi abbiamo paura di sbagliare.

Nei prossimi giorni terrò a Roma una serie di aule dove parlerò dei livelli di pensiero che il nostro cervello mette in atto. Il nostro cervello si basa tra le tante cose, sulle CONVINZIONI. E le convinzioni ci posso spronare ad andare in una certa direzione oppure ci possono condurre alla schiavitù con noi stessi.

La prossima volta che ti troverai ad affrontare una situazione che vuoi cambiare prova a farti queste domande:

La situazione che mi trovo ad affrontare dipende dall'AMBIENTE circostante?
La situazione che mi trovo ad affrontare dipende dal mio COMPORTAMENTO adeguato o meno?
La situazione che mi trovo ad affrontare dipende dalle mie CAPACITA'?
La situazione che mi trovo ad affrontare dipende dalle mie CONVINZIONI?
La situazione che mi trovo ad affrontare dipende da chi penso di essere ovvero dalla mia IDENTITA'?

Spesso facendoci queste  semplici domande possiamo focalizzare e quindi capire meglio il motivo per il quale non riusciamo a prendere una decisione o riusciamo a capire perché gli altri si comportano in un certo modo con noi !

Oggi prova a farti le domande che ti ho suggerito e scrivimi sotto cosa ne pensi di quello che ti ho detto. Scrivendo il tuo commento aiuti le persone a ragionare e l'unione fa la forza. 

Io mi impegno a rispondere ad ogni commento!

Un abbraccio!

Decidere significa uccidere l'alternativa

 

Antonio